Visita la pagina Risorse per servire in sicurezza per suggerimenti e strumenti per servire in sicurezza
la tua comunità e fai una donazione alla LCIF dalla sicurezza di casa tua per dare i mezzi di realizzare i servizi dei Lions.

Home The Lions Blog Appello a tutti i cittadini anziani
La solidarietà è importante

Appello a tutti i cittadini anziani

Erin Kasdin 13 Aprile 2021

I Lions si sono fatti avanti per assicurarsi che gli anziani ricevano il vaccino

Quando la piccola comunità di Barkhamsted, in Connecticut, ha ricevuto il primo stock di vaccini destinati ai residenti più di 75 anni di età, il sindaco Don Stein ha compreso che i suoi concittadini avrebbero avuto bisogno di aiuto per navigare sul portale online predisposto per la registrazione al vaccino. Sapeva anche a chi rivolgersi.

“Siamo una comunità dormitorio” dice Stein. “Contiamo molto sui volontari per realizzare progetti. È qui che entrano in gioco organizzazioni come i Lions”.

Foto che ritrae alcuni soci del Lions club Barkhamsted. Questo club è al servizio della sua città dal 1966.

Barkhamsted è una cittadina di 3.700 persone, e tutti conoscono il suo Lions Clubs. Il club si occupa principalmente di dare supporto al centro per anziani locale, la cui gestione è completamente affidata a volontari, e all’associazione ECAD (Educated Canines Assisting with Disabilities), che si occupa di fornire cani da assistenza per persone con disabilità. Per supportare al meglio questi progetti, i soci hanno avviato club satelliti.

“Abbiamo scoperto che uno dei modi migliori per reclutare nuovi Lions è quello di invitare amici generosi e predisposti al service all’evento della nostra comunità locale: partecipare all’evento li invoglia a diventare soci Lions”, afferma Dave Roberts, past governatore distrettuale e presidente dei Lions di Barkhamsted.

Robert ha preso sotto la sua ala il centro per anziani. “Averlo con noi è una vera fortuna per il nostro centro anziani”, afferma Lucille Delany, 83 anni compiuti a febbraio. Prima della pandemia COVID-19, lei e il marito si recavano al centro ogni martedì, per il pranzo. Una volta al mese, il centro ospitava una cena di beneficienza. “Questa era la nostra vita sociale”, aggiunge, “abbiamo incontrato tante persone gentili al centro.”

Dall’insorgere della pandemia i Lions hanno prestato il loro aiuto in ogni modo, offrendosi anche di ritirare e consegnare a domicilio i farmaci ai concittadini più anziani. “Agli esordi della pandemia, alcuni dei nostri anziani non volevano uscire di casa”, afferma Stein. “Allora, i Lions e la città hanno unito le forze per dare aiuto alle persone”.

Stein sapeva che l’unico modo per garantire a tutti gli anziani la possibilità di prenotarsi online per ricevere il vaccino sarebbe stato predisporre un team di volontari di fiducia, che potesse gestire molte telefonate in un breve lasso di tempo. Il primo passo è stato utilizzare il registro degli elettori per individuare e contattare telefonicamente ogni cittadino con più di 75 anni d’età.

Ai volontari sono state fornite istruzioni scritte da comunicare e una lista di anziani a cui telefonare. Il distanziamento sociale è stato rispettato gestendo le telefonate da più punti della città. In caso di chiamate senza risposta, i volontari lasciavano un messaggio con informazioni dettagliate su come contattare il comune per ricevere assistenza per prenotare un appuntamento per il vaccino.

“Alcuni dei nostri anziani si sentivano soli, ed erano felici di parlare con qualcuno anche se non avevano bisogno di aiuto per prenotare l’appuntamento per il vaccino” dice Roberts. “Una signora ci ha raccontato che suo marito ci aveva lasciati da poco, e desiderava donare tutti i suoi occhiali usati ai Lions”. Una volta conclusa la fase delle telefonate, i registri delle chiamate e i relativi appunti sono stati inviati via fax al comune.

Ad oggi, sono stati programmati quasi 300 appuntamenti.

I Lions si sono anche offerti volontari a dare un passaggio sul luogo dell’appuntamento a chi ne avesse bisogno. “Molti anziani non amano guidare d’inverno o non hanno mezzi di trasporto propri”, dice Roberts.

Delany e suo marito sono colmi di gratitudine per il centro e sperano di tornarci presto, non appena avverrà la riapertura. “Quando eravamo più giovani pensavamo: può aspettare, quando diventeremo vecchi”, dice Delany. “Non pensavamo di avere l’età per unirci a un centro anziani. Ma da quando lo abbiamo fatto, siamo felicissimi”.


Erin Kasdin, Redattore senior del Lion Magazine.

La pandemia di coronavirus (COVID-19) ha colpito le comunità di tutto il mondo in modi diversi. Per garantire che le attività di service siano svolte in sicurezza ovunque viviamo, i Lions devono seguire le linee guida dei Centri per il Controllo delle Malattie, dell'Organizzazione Mondiale della Sanità o delle autorità sanitarie locali. Visita la nostra pagina Servire in sicurezza dove troverai le risorse che potranno rivelarsi utili a servire in sicurezza la tua comunità.