Visita la pagina Risorse per servire in sicurezza per suggerimenti e strumenti per servire in sicurezza
la tua comunità e fai una donazione alla LCIF dalla sicurezza di casa tua per dare i mezzi di realizzare i servizi dei Lions.

Home The Lions Blog Notizie dal fronte del service: arrestare le epidemie di morbillo in Brasile

Notizie dal fronte del service: arrestare le epidemie di morbillo in Brasile

Rachel Bridges Gennaio 11, 2021
Foto: Karina Zambra/PAHO

Anche prima che la pandemia di coronavirus (COVID-19) sconvolgesse tutte le nostre vite, i casi di morbillo avevano raggiunto il picco più alto degli ultimi 23 anni in tutto il mondo. Ora, a causa dei blocchi globali o dell'accesso limitato ai servizi sanitari, i programmi di immunizzazione sono stati rallentati o sospesi completamente, mettendo milioni di bambini a rischio di contrarre malattie e di perdere la vita a causa della mancanza di vaccini.

È molto importante che tutti i bambini ricevano i vaccini per prevenire altre malattie.

Con le restrizioni causate dal COVID-19 e le infrastrutture sanitarie limitate, i paesi delle Americhe sono stati colpiti in modo particolarmente duro da focolai di una delle malattie più contagiose e prevenibili con i vaccini. Nelle comunità fuori Brasilia, la capitale del Brasile, le epidemie di morbillo hanno avuto un grave impatto negativo.

Nell'ottobre 2020 l'Organizzazione Panamericana della Sanità (OPS), con il generoso sostegno della Fondazione Lions Clubs International (LCIF), ha inviato una squadra nell'area per stabilire una campagna di vaccinazione di massa di emergenza per riavviare i programmi di immunizzazione e arginare la crescente marea di casi di morbillo. Durante la campagna, che si è svolta dal 5 al 29 ottobre, più di 11,7 milioni di persone sono state vaccinate contro il morbillo, la parotite e la rosolia (MMR). Sebbene questo rappresenti solo il 13% della popolazione a cui si mirava, è comunque un inizio significativo per colmare le lacune nella copertura vaccinale nell'area.

Oltre al sostegno finanziario della LCIF, i Lions brasiliani hanno partecipato a campagne sui social media per aumentare la sensibilizzazione e l'affluenza durante la campagna. I Lions in genere partecipano a un'ampia varietà di attività di mobilitazione sociale e di sostegno durante le campagne di vaccinazione, ma le opportunità di coinvolgimento erano limitate a causa della pandemia COVID-19.

Genitori come Edicarlos, che durante la campagna ha portato sua figlia Maria a farsi vaccinare, dicono che è fondamentale assicurarsi che i bambini siano sempre vaccinati entro le scadenze. Ma la pandemia ha limitato la loro capacità di farlo.

Edicarlos e sua figlia Maria mostrano il suo tesserino delle vaccinazioni durante una campagna di immunizzazione di emergenza a Brasilia, in Brasile.

Edicarlos e sua figlia Maria mostrano il suo tesserino delle vaccinazioni durante una campagna di immunizzazione di emergenza a Brasilia, in Brasile. Foto: Karina Zambra/PAHO

“Non siamo venuti a vaccinarci a causa del distanziamento fisico”, ha detto Edicarlos. La campagna di emergenza ha permesso a Maria di riprendere il suo programma di vaccinazioni. I genitori Luis Felipe e Kelen Raiane hanno raccontato quanto sia stato difficile affrontare la pandemia mentre si prendevano cura della loro figlia Helena. Entrambi avevano dovuto continuare a lavorare durante i lockdown per pagare l'affitto. Per proteggere Helena, l'avevano mandata a vivere con la madre di Kelen Raiane.

“Penso che la separazione sia stata la parte più difficile”, ha detto Kelen Raiane. “Dovevamo farlo... dovevamo portarla in un luogo dove sarebbe stata protetta, più isolata e dovevamo continuare a lavorare”. Ma questa separazione significava che Helena non era in grado di ricevere i suoi vaccini nei tempi previsti dai richiami.

Nonostante queste difficoltà, Luis Felipe e Kelen Raiane sapevano di dover vaccinare la loro figlia durante la campagna di emergenza dell'APHO. “Abbiamo il cuore spezzato perché soffrono e piangono molto, ma in fondo sappiamo che è per il loro bene”, hanno detto. “È molto importante [che tutti i bambini ricevano i vaccini] per prevenire altre malattie”.

Un'infermiera controlla il tesserino delle vaccinazioni durante la campagna di emergenza.

Un'infermiera controlla il tesserino delle vaccinazioni durante la campagna di emergenza. Foto: Karina Zambra/PAHO

Campagne di vaccinazione di emergenza come questa sono estremamente importanti, poiché recuperano i bambini con vaccinazioni salvavita che potrebbero mancare a causa della pandemia di COVID-19. I funzionari della sanità pubblica sono preoccupati dai dati attuali che mostrano un calo dei casi di morbillo e dei decessi correlati al morbillo in tutto il mondo rispetto a questo periodo dell'anno scorso, perché i sistemi di sorveglianza non sono in grado di contare le persone che non hanno accesso ai sistemi di sanità pubblica.

Il morbillo è spesso visto come il proverbiale “canarino nella miniera di carbone”, che indica rapidamente dove si trovano le grandi popolazioni non immunizzate perché la malattia è altamente contagiosa e si diffonde a macchia d'olio. Sarà imperativo per i funzionari della sanità pubblica rimanere iper vigilanti nell'amministrazione di campagne di emergenza ovunque e ogni volta sia possibile. Il sostegno finanziario di organizzazioni come la LCIF è ciò che rende possibili queste campagne.

Ma la strada da percorrere è ripida: è necessario colmare significative lacune di finanziamento per affrontare le epidemie globali di morbillo. La UNICEF e l'Organizzazione Mondiale della Sanità hanno recentemente annunciato un appello all'azione di emergenza per aiutare a sostenere la risposta globale all'epidemia di poliomielite e morbillo a causa del COVID-19. Si stima che siano urgentemente necessari 255 milioni di dollari per fare arrivare i vaccini alle popolazioni che non sono state vaccinate quest'anno a causa della pandemia.

Nonostante le sfide, garantire che le vaccinazioni siano a disposizione di tutti, ovunque è imperativo. In definitiva, le campagne di immunizzazione di emergenza come le attività sostenute dalla LCIF in Brasile faranno la differenza nell'arresto della prossima crisi sanitaria globale incombente e salveranno le vite dei bambini vulnerabili in tutto il mondo. Dobbiamo agire tutti insieme ora per fermare il morbillo, una malattia facilmente prevenibile con strumenti sicuri e convenienti già a nostra disposizione, e ancora una volta assumere il controllo della situazione nel continuare i decenni di progressi.


Rachel Bridges è manager senior per l’advocacy e la comunicazione di Global Health, con la Fondazione delle Nazioni Unite.

La pandemia di coronavirus (COVID-19) ha colpito le comunità di tutto il mondo in modi diversi. Per garantire che le attività di service siano svolte in sicurezza ovunque viviamo, i Lions devono seguire le linee guida dei Centri per il Controllo delle Malattie, dell'Organizzazione Mondiale della Sanità o delle autorità sanitarie locali. Visita la nostra pagina Servire in sicurezza dove troverai le risorse che potranno rivelarsi utili a servire in sicurezza la tua comunità.