La salute e la sicurezza dei nostri Lions, dei nostri impiegati e delle nostre comunità sono la nostra massima priorità.

Leggi la

nostra risposta

al COVID-19.

Unisciti alla LCIF nel suo impegno a sostenere gli interventi di soccorso dei Lions facendo una donazione al 

Fondo per i soccorsi in caso di disastri.
Home The Lions Blog Perché non sono stato un Lions da sempre?

Perché non sono stato un Lions da sempre?

Joan Cary Aprile 23, 2020
Maschere realizzate per i lavoratori che svolgono servizi essenziali nella loro comunità.

In una primavera tipica, i Lions di Vermilion Bay nell'Ontario nordoccidentale del Canada sarebbero stati impegnati a pianificare la loro cena gratuita per gli anziani, un evento annuale popolare. Più di 100 persone sarebbero arrivate al Lions Hall nella piccola città di Vermilion Bay, lungo il Lago Eagle, che conta 1.000 abitanti, per un pasto caldo servito dai giovani del programma cadetti dell'esercito canadese, supportato dai Lions.

L'effusione di supporto è stata gratificante per tutte le persone coinvolte.

Il Lions Hall è il più grande edificio comunitario nell'area che è anche predisposto per essere usato come centro di risposta per le emergenze e come centro di evacuazione. Questo secondo tipo di utilizzo era rimasto solo nel nome fino alla primavera di quest’anno, quando, nella stretta della crisi da Coronavirus (COVID-19), i Lions di Vermilion hanno trasformato la loro sala in un centro di soccorso di emergenza per la distribuzione di generi alimentari. Il Governatore Distrettuale Eletto Shirley Koroniak del Multidistretto 5M afferma che i Lions, tra cui la Lions Doris St. Jules, preside della scuola elementare locale Lilian Berg, hanno iniziato a preoccuparsi dei bambini che erano aiutati attraverso il programma NOW - Nutrition on Weekends (Nutrizione nei fine settimana) e il programma Breakfast for Learning (Colazione per l'apprendimento), prima della chiusura delle scuole.

Con l’accordo della Northwestern Health Unit, uno dei principali finanziatori dei due programmi, i Lions sono stati in grado di deviare le scorte di cibo della scuola alle organizzazioni locali contribuendo a dare una risposta concreta alle carenze di cibo. Hanno anche iniziato a lavorare in collaborazione con il banco alimentare della zona situata a circa 30 minuti di distanza nella città di Dryden, in modo che i Lions potessero raccogliere i cestini per le famiglie e consegnarli in sicurezza o portarli alla Lions Hall per il ritiro, riducendo il numero di persone che dovevano uscire di casa e guidare a Dryden ogni settimana.

Il club sta attualmente servendo 25 adulti e circa 17 bambini di età compresa tra 1 e 17 anni ogni settimana e Koroniak prevede che il numero aumenterà in considerazione del calo di lavoro dovuto alla pandemia.

“L'effusione di supporto è stata gratificante per tutte le persone coinvolte”, afferma. “Le nostre famiglie che ricevono il supporto durante il periodo di crisi sono estremamente grate che i Lions di Vermilion Bay siano stati in grado di mobilitarsi in un arco di tempo molto breve per servire la nostra comunità”.

Lions sort items to be distributed to local food pantries

Sebbene molti Lions si siano offerti volontari per aiutare, il club ha limitato la partecipazione a otto o dieci persone in considerazione delle linee guida sulla sicurezza e sul distanziamento sociale, ma molti, sia i Lions che i membri della comunità, si sono fatti avanti con donazioni e scorte di cibo.

Koroniak spera che molti volontari della comunità prenderanno in considerazione di diventare parte di uno dei Lions club della zona in futuro. Il loro club conta 44 soci, di cui almeno 10 che si sono affiliati quest'anno.

“Perché? Perché siamo molto attivi”, afferma. “Qui tutti sanno quello che fanno i Lions”.

A circa tre ore a sud da lì, a Emo, nell'Ontario, vicino al confine tra il Minnesota e il Canada, l’Immediato Past Governatore Distrettuale Joanne Ogden del 5M 10 lavora come infermiera professionale e nel suo tragitto di ritorno a casa dal lavoro si ferma per ritirare e consegnare generi alimentari a otto o dieci famiglie nella sua piccola comunità di 1.200 abitanti.

Emo e il Distretto Lions, un club internazionale di 60 persone, ha portato avanti un progetto della comunità. Anziché mettere a rischio i commessi del supermercato di contrarre il COVID-19, hanno creato una pagina su Facebook chiamata “COVID Delivery”, in cui le persone possono inviare un piccolo ordine tramite un messaggio su Facebook o telefonando direttamente a un negozio e pagando per telefono. I commessi del supermercato portano gli ordini ai volontari Lions che si fermano fuori dal negozio e poi li consegnano.

Una volta arrivati alle case, i conducenti chiamano per dire che la spesa è arrivata e poi lasciano le borse a 9 metri dalla porta.

“È davvero bello, perché a volte quando lasci la spesa e parli con qualcuno attraverso la finestra nel rispetto del distanziamento sociale, vedi che vorrebbero darti una mancia, ma rispondi loro che quello è ciò che fanno i Lions”, afferma Ogden. “È come piantare un seme in molte teste di persone che probabilmente non avrebbero mai pensato prima di fare tutto questo”.

Un altro progetto della comunità a cui il club ha aderito prevede quattro maschere con filtri cuciti per ogni lavoratore che svolge servizi essenziali nella propria comunità. Ciascuno ne riceverà due per la casa e due per il lavoro. In tutto, significa che ne verranno realizzate almeno 2.000, afferma Ogden.

“Ero uno di quei Lions, che vengono trascinati dentro mentre si dimenano a parole dicendo che non hanno tempo”, ricorda quando le avevano chiesto di unirsi all'organizzazione nel 2010. “Poi inizi a vedere tutto il bene che stai facendo per gli altri. E quando ti siedi e ascolti qualcuno come Brian Sheehan (Secondo Vice Presidente Internazionale), ti chiedi: “Perché non sono stato un Lions da sempre?”.

Questa storia ti viene proposta dal personale della Rivista LION. Per leggere altre storie motivanti, visita lionmagazine.org.


Joan Cary è l’assistente alla redazione per la Rivista LION.