Visita la pagina Risorse per servire in sicurezza per suggerimenti e strumenti per servire in sicurezza
la tua comunità e fai una donazione alla LCIF dalla sicurezza di casa tua per dare i mezzi di realizzare i servizi dei Lions.

Home The Lions Blog Siate nostri ospiti I Lions aiutano le vittime del terremoto trattandole come parte della famiglia

Siate nostri ospiti - I Lions aiutano le vittime del terremoto trattandole come parte della famiglia

Joan Cary Gennaio 12, 2021

Quando un potente terremoto colpì il Mar Egeo sulla costa ovest della Turchia lo scorso autunno, i Lions e i Leo furono la prima organizzazione non governativa ad arrivare a tutti i siti di soccorso.

I Lions club sono stati eccellenti nella loro risposta iniziale e questo ci ha fatto comprendere la vera potenza che abbiamo come Lions, la potenza di cui talvolta ci dimentichiamo.

“Dove posso andare?” “Dove posso trovare le autorità?” “Dove alloggerò?” “Cosa darò da mangiare ai miei bambini?”

Anche se i Lions non avevano una risposta immediata a queste domande, e alle moltissime domande che sarebbero arrivate dalle migliaia di vittime disperate, le persone sapevano che i Lions nei loro gilet gialli avrebbero trovato le risposte e li avrebbero sicuramente aiutati.

Il terremoto di magnitudo 7.0 colpì duramente Izmir alle 15 del 30 ottobre. Si tratta della terza città della Turchia con circa 4 milioni di persone.

Dopo un’ora, i Lions si stavano già organizzando per portare aiuto. dopo tre ore, i Lions del Distretto 118R avevano predisposto stand e tavoli dietro un condominio crollato, e per le 18 stavano distribuendo acqua, disinfettante, e le prime 150.000 mascherine da distribuire ai sopravvissuti e alle squadre di ricerca e soccorso. In aggiunta a questo disastro, la pandemia dilagava ed era essenziale rispettare le precauzioni sanitarie.

Lions del Distretto 118R avevano predisposto stand e tavoli dietro un condominio crollato

Per le 19, quattro ore dopo il terremoto, i Lions stavano servendo il loro primo pasto caldo di riso e minestra di pollo a migliaia di persone.

Questo servizio continuò senza sosta per 10 giorni. I Lions e i Leo lavorarono insieme a turno presso le tende per il primo soccorso, servendo da 2000 a 4000 persone al giorno, dice il Lions Esengül Erkan, Governatore Distrettuale del Distretto 118R. Bagel turchi e ciambelle, paste con carne e formaggio, dessert e bevande turche incluso il tradizionale ayran (uno yogurt da bere turco molto sano) erano a disposizione degli affamati.

Ma la lista dei bisogni andava molto al di là del cibo. I Lions hanno distribuito 5000 coperte e 5000 pacchi di pannolini, 500 letti, 1000 set di lenzuola, mutande e calze, giochi, scarpe e stivali, sapone, e molto altro.

La terza notte, il tempo si fece freddo e non era possibile usare l’elettricità a causa del terremoto e dei bisogni delle squadre di soccorso. I Lions portarono stufe, botti di metallo e 40 tonnellate di legno per fornire calore nell’area della tenda di primo soccorso.

Una coppia di pensionati si rivolse ai Lions per chiedere aiuto. Avevano pensato di trascorrere una tranquilla vita da pensionati, ma ora avevano perso la loro casa. “Quello che ci ha toccato profondamente è stato il modo in cui hanno espresso la loro gratitudine” dice il Lions Şebnem Güler, coordinatore distrettuale del Global Service Team per il Distretto 118R. “Ci hanno detto che in vita loro non avevano mai chiesto niente a nessuno prima d’ora. E che erano rimasti colpiti da come i Lions avevano offerto aiuto in modo così gentile e cortese, come se fossero stati ospiti dei Lions”.

Dopo 10 giorni di costante disinfezione e rispetto delle linee guida sulla sicurezza COVID, ai Lions ed altre ONG venne chiesto di lasciare il sito a causa del numero crescente di casi di COVID. I Lions crearono due magazzini, uno nell’area più colpita dal terremoto e il secondo nel magazzino di una fabbrica. Lasciarono un piccolo stand in loco per continuare a distribuire mascherine, disinfettanti e acqua.

L’aiuto per questo sforzo è arrivato dai club del Multidistretto 118 in Turchia, fra cui 22 Lions club con soci giovani sul campo. Quelli con soci più anziani si occupavano dei bisogni e dei materiali per le donazioni e il supporto.

Secondo il Presidente Distrettuale Leo Simru Göven, ci sono 19 Leo club nel Distretto Leo 118R, di cui 16 sono nella città di Izmir. Durante gli sforzi di soccorso, 14 Omega Leo club e 94 Leo lavorarono attivamente a turno 24 ore su 24 presso i siti di primo soccorso.

Mentre i Lions guardano avanti e il supporto continua, i Leo, come i Lions, si rendono conto che c’è una seconda ondata di persone che stanno restando senza casa. Man mano che le autorità controllano la stabilità degli edifici, centinaia di costruzioni vengono sigillate per essere demolite per motivi di sicurezza.

“Oltre al sostegno alle vittime iniziali, ora abbiamo iniziato a supportare queste persone che stanno restando senza casa”.

Il supporto è arrivato anche da un contributo per le emergenze della LCIF di 10.000 USD, dal Multidistretto 111 in Germania, e dai Lions club in Turchia e Grecia, secondo il Lions Aysan Şakar, Presidente del Consiglio del Multidistretto 118.

Il Past Governatore Distrettuale Zeynep Kocasinan, Coordinatore multidistrettuale New Voices per il multidistretto 118, era ad Istanbul ed ha condiviso il suo supporto a distanza.

“Vedere i miei amici Lions e Leo uniti a servire con altruismo, anche se loro stessi vittima del disastro, della paura e degli effetti del terremoto, e vedere come si sono organizzati e si sono messi a servire e ad aiutare, mi ha profondamente colpita e mi ha reso orgogliosa” dice. “Onestamente posso dire che la mia fiducia nella nostra organizzazione, la mia convinzione nei nostri principi del servizio e nella potenza della struttura organizzativa e dei principi è diventata ancora più forte dopo il 30 ottobre”.

Dal terremoto di Marmara nel 1999, quando in Turchia morirono 17.000 persone e 250.000 restarono senza tetto, i Lions club turchi hanno lavorato per prepararsi ai disastri educando adulti e bambini sui terremoti.

“I terremoti sono una realtà ben presente nelle nostre vite in Turchia” dice. “Una realtà che fa paura”.

“I Lions club sono stati eccellenti nella loro risposta iniziale e questo ci ha fatto comprendere la vera potenza che abbiamo come Lions, la potenza di cui talvolta ci dimentichiamo. Mi ha rassicurato vedere come i Lions turchi siano stati in grado di lavorare insieme”.


La pandemia di coronavirus (COVID-19) ha colpito le comunità di tutto il mondo in modi diversi. Per garantire che le attività di service siano svolte in sicurezza ovunque viviamo, i Lions devono seguire le linee guida dei Centri per il Controllo delle Malattie, dell'Organizzazione Mondiale della Sanità o delle autorità sanitarie locali. Visita la nostra pagina Servire in sicurezza dove troverai le risorse che potranno rivelarsi utili a servire in sicurezza la tua comunità.