Visita la pagina Risorse per servire in sicurezza per suggerimenti e strumenti per servire in sicurezza
la tua comunità e fai una donazione alla LCIF dalla sicurezza di casa tua per dare i mezzi di realizzare i servizi dei Lions.

Home The Lions Blog Tenere vivo il sogno di diventare un atleta paralimpico

Tenere vivo il sogno di diventare un atleta paralimpico

Jamie Weber Gennaio 19, 2021
I giocatori difendono la loro rete bloccando la palla con i loro corpi.

Ti senti il cuore battere nel petto, lo senti nelle orecchie. Una goccia di sudore ti scorre sul viso. Senti il fruscio di una palla che viene lanciata nella tua direzione, poi senti i campanelli. Non puoi vedere la palla, ma la senti arrivare. Hai un secondo per reagire e impedire che la palla oltrepassi la linea della porta che stai difendendo. I tuoi compagni di squadra esultano. Sei un passo avanti verso la medaglia d'oro.

Gli atleti del programma di residenza USABA si stanno allenando per l'obiettivo finale... rappresentare la squadra degli Stati Uniti ai Giochi Paralimpici di Tokyo l’estate prossima.

Tutti meritano la possibilità di sentirsi così, indipendentemente dalle loro capacità. Grazie a una partnership tra la Fondazione Lions Clubs International (LCIF) e la Fondazione Anthem, gli atleti non vedenti o ipovedenti hanno maggiori opportunità di allenarsi per avere un posto nella squadra di goalball alle Paralimpiadi.

Creare maggiori opportunità attraverso la partnership con la comunità
Attraverso l'iniziativa Healthy Heroes della Fondazione Anthem e dei Lions, i progetti umanitari condotti dai Lions e dalla comunità migliorano la salute delle comunità negli Stati Uniti. La Fondazione Anthem fornisce contributi alla LCIF, che a sua volta assegna contributi ai club e ai distretti Lions con l'obiettivo di migliorare la salute e il benessere a livello locale. Inoltre, ogni anno in autunno si svolgono le Giornate del volontariato Lions-Anthem negli Stati Uniti che dal 2015 a oggi hanno portato a quasi 20.000 ore di servizio alla comunità, con un impatto positivo su oltre 1,6 milioni di persone.

Nell'ambito dell'iniziativa Healthy Heroes, due residenze sanitarie vicino al Turnstone Center a Fort Wayne, Indiana, USA sono in fase di espansione, ampliando il programma di residenza per il goalball della United States Association of Blind Athletes (USABA). Le nuove aree ampliate permettono al programma di formazione per residenze sanitarie a lungo termine di ospitare più atleti. Lo spazio aggiunto consente anche una maggiore privacy per i residenti e uno spazio comune più ampio. Inoltre, grazie alla nuova attrezzatura interna per gli allenamenti, gli atleti possono allenarsi più facilmente senza dover uscire dalle loro case.

L'atleta Amanda Dennis del goalball della squadra degli Stati Uniti lancia la palla verso la rete degli avversari.

L'atleta Amanda Dennis del goalball della squadra degli Stati Uniti lancia la palla verso la rete degli avversari.

Entusiasmo. Forza. Intensità. Sfide.
Queste sono le parole che gli atleti di goalball usano per descrivere il loro sport. Il goalball, creato esclusivamente per le persone non vedenti o ipovedenti, è il primo sport paralimpico che non è stato adattato da un altro sport. Durante una partita, due squadre di tre giocatori ciascuna competono su un campo equivalente alle dimensioni di un campo da pallavolo. La palla delle dimensioni di un pallone da pallacanestro ha dei campanelli al suo interno, che aiutano ad avvisare il giocatore della sua posizione. Ogni squadra cerca di far rotolare la palla oltre la linea della porta avversaria mentre gli avversari ascoltano la palla in arrivo e tentano di bloccarla con i loro corpi. Tutti gli atleti indossano una maschera oscurata in modo da garantire parità di condizione tra tutti gli atleti con diversi gradi di disabilità visiva.

Gli atleti del programma di residenza USABA si stanno allenando per l'obiettivo finale... rappresentare la squadra degli Stati Uniti ai Giochi Paralimpici di Tokyo l’estate prossima. Nel frattempo, Fort Wayne si sta preparando per ospitare a marzo l'USA International Goalball Classic, che classificherà gli atleti per i prossimi Giochi Paralimpici.

Il programma di residenza USABA a Fort Wayne, Indiana, USA offre agli atleti non vedenti o ipovedenti l'opportunità di allenarsi per le Paralimpiadi.

Il programma di residenza USABA a Fort Wayne, Indiana, USA offre agli atleti non vedenti o ipovedenti l'opportunità di allenarsi per le Paralimpiadi.

La LCIF sostiene i Lions nella creazione di opportunità socialmente più inclusive per persone con tutti i livelli di abilità. In qualità di “cavalieri dei non vedenti”, i Lions sostengono da tempo le persone con problemi di vista o affette da cecità. Oltre a sostenere la salute e il benessere di queste comunità, lavorano anche per eliminare la cecità prevenibile e reversibile. La Fondazione Anthem mira a condividere i valori delle sue comunità ed è una partner perfetta per la LCIF e i Lions.

“Insieme alla LCIF, siamo orgogliosi di sostenere la costruzione di dormitori sportivi per atleti non vedenti e ipovedenti, per consentire loro di rilassarsi comodamente e in sicurezza nei periodi di riposo tra i loro programmi di allenamento”, ha affermato il Dott. Kimberly Roop, Presidente della Anthem Indiana Medicaid. “Siamo grati per la nostra partnership con la LCIF e siamo orgogliosi di esserci allineati con un'organizzazione con cui condividiamo la stessa missione di migliorare la vita e le comunità. Attendiamo con entusiasmo la costruzione di queste strutture che ospiteranno molti futuri atleti e olimpionici negli anni a venire”.

Grazie alla partnership tra la LCIF e la Fondazione Anthem, ci sono più atleti con problemi di vista o affetti da cecità che trovano uno scopo e vivono i propri sogni. Data la possibilità di dedicarsi agli allenamenti, questi atleti sono un passo avanti verso la competizione per l'oro alle Paralimpiadi.

Per saperne di più sulla partnership della LCIF con la Fondazione Anthem, leggi l'articolo nella Rivista LION.


Jamie Weber è una specialista dei contenuti di marketing presso la Fondazione Lions Clubs International.

La pandemia di coronavirus (COVID-19) ha colpito le comunità di tutto il mondo in modi diversi. Per garantire che le attività di service siano svolte in sicurezza ovunque viviamo, i Lions devono seguire le linee guida dei Centri per il Controllo delle Malattie, dell'Organizzazione Mondiale della Sanità o delle autorità sanitarie locali. Visita la nostra pagina Servire in sicurezza dove troverai le risorse che potranno rivelarsi utili a servire in sicurezza la tua comunità.